5 Aprile 2009

Concerto di Pasqua – Domenica 5 Aprile ore 21, Chiesa di Sant’Andrea – Cadoneghe

Data / Ora
Date(s) - 05/04/2009
0:00

Luogo
Chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Cadoneghe

Categorie No Categorie


09.03.09 - L'Associazione Pro Loco Cadoneghe, in collaborazione con il Comune di Cadoneghe, Provincia di Padova, Parrocchia di Sant'Andrea e Centro di Formazione Professionale "Francesco d'Assisi" di Cadoneghe, organizza il "Concerto di Pasqua", presso la Chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Cadoneghe Storica. Il concerto, tenuto dall'Ensemble "Inventione Armonica", con Tommaso Luison primo violino, propone due celebri opere di Haydn e Mozart, trascritte per quartetto d'archi. Il Concerto avrà luogo Domenica 5 Aprile 2009 alle ore 21.00. L'ingresso è libero, tutta la cittadinanza è invitata.

***

Inventione Armonica QUARTETTO D’ARCHI Violino I – Tommaso Luison Violino II – Elisa Maria Menegardi Viola – Alessandro Savio Violoncello – Vittorio Piombo

CONCERTO DI PASQUA “REQUIEM”

Franz Joseph Haydn – da “Le sette ultime parole di Cristo sulla croce” op.51(1787) Introduzione Sonata II. "Amen ti dico: oggi sarai con me in Paradiso" Sonata VII. "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito" Terremoto

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) - Requiem KV 626 trascrizione per 2 vl, vla e vc di Peter Lichtenthal (1780-1853)

Note al programma Il programma presentato dal Quartetto si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per la Santa Pasqua proponendo due famosissime opere sul tema della Morte e della Passione di Cristo

Le Sette Ultime Parole di Cristo sulla croce furono composte nel 1785: Haydn ricevette da un ecclesiastico spagnolo l'incarico di comporre un lavoro sinfonico da eseguirsi come intermezzo musicale durante le Meditazioni del Venerdì Santo che si tenevano nella Cattedrale di Cadice in Andalusia. Due anni dopo, nel 1787, Haydn realizzò la trascrizione del brano sinfonico per quartetto d’archi. La Messa da Requiem di Mozart fu scritta dal compositore salisburghese negli ultimi mesi di vita (1791), su commissione del conte austriaco Franz von Walsegg che voleva celebrare la scomparsa della giovane moglie Anna. La Messa rimase incompiuta per la morte dello stesso Mozart, che negli ultimi giorni di vita sembra fosse ossessionato dall’idea di scrivere il Requiem per se stesso. La composizione venne completata da Franz Xaver Süssmayr, un allievo di Mozart molto vicino al Maestro durante i suoi ultimi mesi di vita. La versione del Requiem per quartetto d’archi fu realizzata da Peter Lichtental nei primi anni dell’Ottocento, quando già l’opera di Mozart era conosciuta in tutta Europa: probabilmente la trascrizione fu realizzata per poter eseguire l’opera in contesti privati, con l’ausilio dei soli strumenti ad arco.

I musicisti Il Quartetto d’archi nasce per iniziativa di alcuni musicisti del Teatro Comunale di Bologna che condividono e coltivano da sempre la passione per la musica da camera. Diplomati con il massimo dei voti presso i conservatori del Veneto, hanno seguito gli insegnamenti dei grandi Maestri del camerismo internazionale, quali il Quartetto Italiano, il Trio di Trieste, il Trio Tchaikovskj e altri. Hanno suonato nelle migliori orchestre d’Italia (Teatro alla Scala di Milano, Accademia di Santa Cecilia a Roma, Teatro Comunale di Bologna, Solisti Filarmonici Italiani, Orchestra da camera italiana, eccetera) e si sono affermati in concorsi e rassegne nazionali ed internazionali (Premio “Citta di Vittorio Veneto”, Premio “Città di Pavia”, ecc.). L’esperienza del quartetto d’archi viene vissuta dai musicisti stessi come momento di grande libertà espressiva e di crescita continua anche attraverso un costante dialogo con il pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *